La piadina romagnola verso l’IGP europea

By: lapiadamarbella

20 settembre 2014

0 Comments

Dopo circa due anni di discussione, si apre uno spiraglio per l’ottenimento della IGP Piada e Piadina Romagnola. Come informa infatti il Sole 24 Ore, il 26 maggio 2014 è “finalmente arrivata la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale europea del documento unico per il riconoscimento della piadina”.
Come ricorda il quotidiano, la piadina è “una sfoglia a base solo di farina di frumento, strutto od olio extravergine di oliva, sale, acqua e agenti lievitanti (il disciplinare vieta l’aggiunta di conservanti, aromi e altri additivi) che mette d’accordo giovani e vecchi, gourmet e profani e che potrà fregiarsi del marchio Igp solo se prodotta tra le province di Forlì-Cesena, Rimini, Ravenna e alcuni comuni dell’Imolese (la parte orientale della provincia di Bologna che è storicamente romagnola e non emiliana).”
Si tratta dell’ultimo passo prima dell’ottenimento dell’IGP che, se dall’Unione Europea non arriveranno richieste di ulteriori documenti o chiarimenti, potrebbe essere dato nel giro di qualche mese… incrociamo le dita!

it Español       uk English

Recensioni su Tripadvisor